cerca

Daniele De Rossi se ne va e con lui i volti da imprimere sulle bandiere

14 Maggio 2019 alle 23:10

E’ sempre una storia di lacrime sulle tribune e in campo, di cori, sciarpe e striscioni, di compagni di squadra emozionati, di bambini che corrono sul prato, di videoclip con i goal più belli e i trofei alzati. Un copione sempre di successo, con poche varianti, da Andrés Iniesta a Steven Gerrard, dal Nou Camp ad Anfield, per citare solo due addii fra i più recenti e due giocatori “cresciuti in casa” paragonabili a Daniele De Rossi. Dove sempre tutto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

2

15/05/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi