Il memoir dello scandal, a puntate sul Foglio

5

08/05/2019

Il 2 maggio scorso  Alexandra Alter  e  Cara Buckley hanno scritto sul New York Times che Woody Allen, uno dei registi più longevi della storia, celebrato maestro della cultura americana contemporanea, lo scorso anno ha proposto in modo discreto a vari editori un memoir, ma nessuno ha accettato di pubblicarlo. E il problema è il movimento #MeToo, la giustizia sommaria e mediatica di cui per anni Allen è stato vittima, che ha provocato la damnatio memoriae. Sono state le stesse...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.