Quel giornale d’opposizione (flebile) che fa dire a Orbán: siamo pluralisti

Reporter:

Micol Flammini

2

07/05/2019

Roma. Quel gioco equilibrato che si chiama democrazia, quel sistema di leve e di simmetrie tra partiti, idee e libertà che assicura che uno stato si regga sui princìpi democratici è fatto di maggioranza e opposizione, è fatto di tante voci, molte rimostranze e pluralismo. Così la maggioranza ha bisogno di un’opposizione, anche in un paese come l’Ungheria dove il primo ministro Viktor Orbán alla parola democrazia ha affiancato l’aggettivo illiberale. Nel paese, totalmente orbanizzato, esistono timide forme di opposizione,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.