Preghiera

2

01/05/2019

Anni fa Martin Amis scese in “guerra contro i cliché”, come recitava il titolo di una sua raccolta di saggi letterari. Oggi, con la nuova raccolta intitolata “L’attrito del tempo”, questa guerra dimostra di averla persa, svelandosi un cliché egli stesso. Sembra fatto con lo stampino: è di sinistra, anti-trumpiano, omosessualista, pluridivorziato... Ha una sola peculiarità evidente: lo sfrenato amore per Nabokov, la cui opera conosce a menadito. Grazie ad Amis ho scoperto che l’autore di “Lolita” ha scritto altri...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.