Il futuro è del lavoro

L’Ocse smonta la narrazione apocalittica di Casaleggio e il disegno del Rdc

3

26/04/2019

Secondo l’Ocse la preoccupazione diffusa che i cambiamenti tecnologici e la globalizzazione possano portare a un forte calo dell’occupazione complessiva è ingiustificata. Per il semplice fatto che, mentre alcuni lavori tenderanno a scomparire, altri ne saranno creati, come del resto è accaduto fino a oggi. Piuttosto, bisognerebbe preoccuparsi di gestire la transizione attraverso una formazione permanente che aiuti i lavoratori più vulnerabili a collocarsi in un mercato che cambia. L’Italia non è attrezzata per questa sfida perché – come emerge...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.