Maschio, ebreo, zio

Reporter:

Simonetta Sciandivasci

103

01/02/2019

La prima volta che sono andata dalla psicoterapeuta ho pianto. Qualche sera prima avevo sfasciato una porta e allora il mio fidanzato, anziché mostrare ammirazione per i miei superpoteri, mi aveva detto: “Forse devi farti curare”. E quindi eccomi in una stanza con le pareti pastello e le poltrone che più che altro sono poltroncine e un tavolino con sopra le caramelle che vorrei sapere chi ha il coraggio di mangiare davanti a uno che paga per farsi dire in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.