Imprese in rivolta, ma il capo di Huawei: “Raggi ha capito il futuro” L’esasperazione degli imprenditori romani che si sentono presi in giro ma non reagiscono. La piccola elemosina cinese

L’esasperazione degli imprenditori romani che si sentono presi in giro ma non reagiscono. La piccola elemosina cinese

Reporter:

Gianluca De Rosa

7

04/04/2019

Roma. “E’ dall’inizio del suo mandato che proviamo invano a dialogare con il sindaco Raggi”, racconta Filippo Tortoriello, presidente di Unindustria, la Confindustria capitolina. “Tutti i tentativi di avviare un lavoro insieme sono sempre andati a vuoto: nelle rare occasioni in cui l’abbiamo incontrata è stata molto gentile, ha promesso di vederci, ma poi niente”. Una sordità che lunedì ha costretto Unindustria insieme alle sei principali associazioni di categoria di imprenditori, commercianti e agricoltori ad abbandonare l’atteggiamento dialogante e fare...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.