L’Italia pagherà 500 milioni all’anno per mantenere i gasdotti tedeschi

Reporter:

Maria Carla Sicilia

3

20/03/2019

Roma. C’è un filo che lega la sicurezza energetica italiana a un doppio vincolo, nelle mani di Russia e Germania. Da Mosca l’Italia compra più di un terzo del gas che consuma, un volume attualmente insostituibile anche immaginando lo sviluppo dei campi nel mediterraneo orientale, a cui occorrerà ancora tempo, la costruzione del gasdotto EastMed e l’entrata in funzione della Tap. Per ricevere il gas russo le infrastrutture di Berlino saranno presto indispensabili, più di quanto non lo siano già...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.