cerca

La disinvoltura invidiabile di Alain Elkann nel guardare la morte, sua e di tutti

22 Marzo 2019 alle 12:32

Q uella vecchia storia della mela dà da pensare: il testo biblico parla da solo, è eloquente come non mai, eppure l’interpretazione si arrovella da sempre, si avvita su ambigui significati, fa di tutto pur di non arrivare al dunque di una faccenda drammaticamente chiara. “Dell’albero della conoscenza di bene e male non mangiare, perché il giorno del tuo mangiarne da esso, morire morirai” (Genesi 2, 17). Un’assenza, innanzitutto: Il divieto è imposto alla seconda persona singolare perché in quel...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

2

20/03/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi