Il disastro di Facebook e YouTube inefficaci con il video del massacro è prova di un problema strutturale

Le due piattaforme hanno pubblicato dati per cercare di discolparsi, ma la loro intelligenza artificiale ha fatto cilecca ed è stata raggirata da estremisti esperti

Eugenio Cau

Reporter:

Eugenio Cau

7

20/03/2019

Milano. Quando il terrorista suprematista di Christchurch ha cominciato la diretta Facebook in cui ha filmato dal vivo parte del primo attacco a una moschea piena di fedeli in preghiera, circa 4.000 persone si sono connesse come spettatori. Di queste, nessuno ha pensato per 29 lunghissimi minuti di segnalare il video a Facebook. “Segnalare un video” significa: dire a Facebook – o alla piattaforma di turno – che un certo contenuto è violento, incita all’odio o comunque viola le regole,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.