cerca

Lo spread sale a nord

21 Novembre 2018 alle 10:24

Roma. “Sullo spread non ho dubbi: non potrà che scendere. E se qualcuno gioca alla speculazione il governo non lo permetterà”. Se ieri Matteo Salvini intendeva, come si dice, rassicurare i mercati e minacciare as usual i poteri forti di turno, ha clamorosamente sbagliato bersaglio. A far salire lo spread fino a oltre 336, ormai ben sopra l’Ungheria e non troppo sotto la Grecia, è stato infatti, più dell’imminente bocciatura europea della legge di Bilancio, il fiasco del collocamento del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

1

21/11/2018

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi