cerca

La lista dell’odio

21 Giugno 2019 alle 23:12

Roma. L’omicidio di Walter Lübcke, “terribile e insopportabile” come lo ha definito il presidente Frank-Walter Steinmeier, non è finito lì. Non è stato una piccola parentesi, nera e dolorosa, che ha aperto una fessura nella storia tedesca. Non è stato un fatto isolato, la volontà di un folle. E’ stato qualcosa di più profondo che non si è fermato al politico della Cdu favorevole all’accoglienza, ma ha altri obiettivi. Lübcke è stato ucciso il primo giugno da un esponente di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

2

22/06/2019

Articolo Successivo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi