cerca

Il mondo si è stancato dei palestinesi

Sono irrilevanti, ma non riescono a cambiare politica, scrive il Jerusalem Post

15 Gennaio 2018 alle 10:18

Il mondo si è stancato dei palestinesi

Gli scontri tra palestinesi e israeliani a Nabi Saleh,nella West Bank (foto LaPresse)

L’Olp e più in generale la causa palestinese stanno affondando nell’irrilevanza, ma anziché riformare le loro politiche per ristabilire la loro posizione, hanno adottato una politica della terra bruciata che non fa altro che intensificare la loro corsa verso il basso”. Così Caroline Glick.

 

“Il problema per l’Olp/Autorità palestinese è che il mondo è radicalmente cambiato mentre loro hanno continuato ad abbracciare i terroristi sperando sempre di farla franca. Questa settimana, l’Economist ha pubblicato i suoi dati annuali sul pil pro capite nei vari paesi del mondo. Per la prima volta, il pil pro capite di Israele ha superato quota 40.000 dollari. Più precisamente, secondo i dati dell’Economist, il pil pro capite in Israele è salito dai 38.127 dollari del 2016 ai 44.019 dollari del 2017. L’anno scorso è cresciuto del 4,4 per cento. Oggi il pil pro capite israeliano è superiore a quello di Giappone, Gran Bretagna e Francia e si prevede che negli anni a venire il divario a favore di Israele tenderà ad ampliarsi. Nella regione, i vicini di Israele rimangono un caso disperato economico e politico. Come ha notato Guy Bechor all’inizio di questa settimana, il pil pro capite egiziano di 2.519 dollari è un diciassettesimo di quello israeliano. Il reddito pro capite della Giordania è diminuito lo scorso anno da 4.648 a 4.135 dollari e le prospettive per il 2018 non sono positive. La situazione non è molto migliore nei paesi Golfo, nonostante le loro riserve di petrolio e gas. L’Iran, per esempio, è povero e le previsioni per il futuro sono drammatiche. L’anno scorso, nonostante i 100 miliardi di dollari che il regime ha ottenuto grazie all’allentamento delle sanzioni, il pil pro capite è passato dai 6.144 dollari del 2016 a 5.889 dollari".

  

I vitalizi del terrore

I palestinesi hanno speso un miliardo di dollari in stipendi ai terroristi

 

"Le guerre in Siria, Yemen, Iraq, Libano e Gaza costano parecchio. L’Egitto, l’Arabia Saudita e altri stati arabi sono attratti da Israele non solo per le loro comuni preoccupazioni di sicurezza riguardo all’Iran. Sono anche desiderosi di ampliare i loro rapporti con Israele per avvantaggiarsi delle sue tecnologie in ogni campo, dall’agricoltura alle tecniche idriche alle comunicazioni digitali. E non intendono permettere ai palestinesi di bloccare la loro rincorsa verso Israele. Mentre i palestinesi continuano con i loro vecchi trucchi, Israele sta diventando una potenza regionale e globale sempre più rilevante e le nazioni del mondo non sono interessate a indebolire Israele quando Israele le sta aiutando a sopravvivere e svilupparsi. Verso la fine del mese, Netanyahu incontrerà Modi a Delhi. Come Netanyahu, anch’egli riconosce che la causa dell’Olp è fondamentalmente sbagliata: la pace si ottiene sconfiggendo i terroristi, non portandoli al potere. E poi, la realtà economica e strategica di Israele non può essere ignorata. Modi e i suoi omologhi in tutto il mondo stanno comprendendo che i palestinesi non hanno niente da offrire, nemmeno la gratitudine. Quando una massa critica di palestinesi capirà che i trucchetti dell’Olp non funzionano più, allora faranno la pace con Israele. Fino ad allora, continueranno ad essere una molesta irrilevanza e nulla più”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi