Il vizio di Cutrone e la sgroppata di Zapata

L'attaccante del Milan ,on si ferma mai a guardare, corre in cerca dello spazio, di un’avventura, quello della Sampdoria l'avventura l'ha trovata correndo da aerea ad area prima di segnare

27 Febbraio 2018 alle 15:13

Una carezza in un pugno

Ma non vorrei che tu a mezzanotte e tre stai già pensando a un altro uomo. In realtà Conte non ha dormito tutta la notte pensando solo a lui, il nemico Josè. Nel bel mezzo del pomeriggio assolato di Old Trafford, il Manchester United aveva vinto una partita giocata a cicci e broccioli con il Chelsea e Mou aveva deciso di accomiatarsi accarezzando il tricologico testino di Antonio. Va bene tutto ma la carezza no, ha detto Conte guardandosi allo specchio prima di andare a letto, dove poi non ha dormito. Ha stretto in una morsa il cuscino tra le braccia e sussurrato una laica preghiera: “Cattivo come adesso non lo sono stato mai.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi