Sugli Opg

6 Giugno 2014 alle 13:10

A causa di una mancata proroga fino al 2017 come richiesto dalla Conferenza delle Regioni, pare che nel 2015 chiuderanno gli Opg (Ospedali Psichiatrici Giudiziari) come stabilito dalla Magistratura. Dall'esterno mi sento di fare due obiezioni. Innanzitutto, provvedimenti di ogni tipo in Italia avvengono dall'alto senza che il parere della popolazione venga preso in considerazione e senza seguire un criterio logico e programmatico. Questo genera solo confusione ed incertezza. Inoltre, nello specifico dell'argomento, pare che al posto degli Opg entrino in funzione i Rems (residenze per l'esecuzione della misura di sicurezza sanitaria) dove il personale sanitario sostituirà gli operatori di sicurezza con tutte le conseguenze del caso. Infatti non si è certi della professionalità del nuovo personale sanitario mentre si è certi dei costi elevati per la comunità dato che si tratta di strutture pubbliche. Qui si parla di costi eccessivi e di pericolosità sociale che si assomma a quella derivante dai flussi migratori non controllati e dallo svuotamento delle carceri senza criterio. Tuttavia chi ne parla viene tacciato di razzismo e/o populismo. Come sostenne a suo tempo Maroni - se essere barbari significa optare per il bene comune, per il bene dei cittadini e per il rispetto della loro libertà e della democrazia, allora ben venga essere considerati barbari. Ma i veri barbari sono ben altri. Questo è il vero problema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi