cerca

“Check your privilege”

5 Maggio 2014 alle 14:00

Come non esser pienamente d’accordo con il Direttore e con quanto, da tempo ormai, scrivono anche i suoi stessi collaboratori, in lucide e lungimiranti pagine del Foglio, a proposito di quel modo di fare e di dire che porta all’ammasso l’intelligenza, accantona tutto ciò che proviene da fervida curiosità e libertà intellettuale, rinuncia a quella fondamentale originalità di pensiero che intrinsecamente scorpora e distingue pregiudizi, luoghi comuni, stereotipi. Ma tant’è. Chi legge il Foglio già sa dove risiede la causa del perfido e viscido effetto dell’etichetta: “check your privilege”. Ossia di quel pervicace e abietto parlare con “la lingua di legno” piuttosto che dare spazio ai fatti e alle argomentazioni. Che dire? Ferrara ed il Foglio lo colgono, ammoniscono e scrivono di tutto ciò, e ci propongono di conoscere e di leggere il bello scritto di Tal Fortgang. E visto i tempi che corrono, è davvero prezioso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi