cerca

Benedetto XIV che piaceva agli illuministi

21 Aprile 2014 alle 18:34

Mentre riponevo nella libreria -settore chiesa e papi- "Questo Papa piace troppo", mi sono imbattuto in un libro che lessi qualche anno fa: "Storia della Chiesa" di Ludwig Hertling (ed. Città Nuova). L'ho sfogliato un po' qua e un po' là e a pagina 523 leggo: "A Clemente XII, cieco e impedito, successe Benedetto XIV, Prospero Lambertini (1740-1758), che fu un eminente scienziato, canonista e storico, i cui studi sulla canonizzazione dei santi e sui sinodi diocesani sono apprezzati ancora oggi....Benedetto XIV impiegò tutti i suoi sforzi a tener fronte all'assalto dei governi che diventavano sempre più ostili alla Chiesa e dietro ai quali si celavano i capi dell'illuminismo. A questo scopo, egli si servì del suo prestigio personale mostrandosi benevolo e amico con tutti. Giunse a dimenticare se stesso fino a scambiare delle cortesie anche con Voltaire. Così facendo, egli ottenne di venire esaltato da illuministi e da cattolici, cosa che per un papa non è precisamente la lode migliore, ma in realtà venne a capo di ben poco. Ad ogni modo Benedetto XIV non tradì alcun punto sostanziale, e con la sua abilità sollevò il prestigio morale della Santa Sede, che da cent'anni era molto decaduto."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi