cerca

Quando tramonta "il sol dell'avvenir", senza aver fatto mai giorno

18 Aprile 2014 alle 13:11

C'è una bieca similitudine di specie tra la nascita e la caduta del comunismo e la nascita nel '92 del Berlusconismo, finito in questi giorni con i servizi sociali, percepiti come una liberazione. Non mi si critichi l'azzardo di questa metafora, ma il comune denominatore tra “speranze accese e fini improprie” di questi movimenti di popolo è così forte, che non posso fare a meno di rilevarlo. La storia ci dirà se quella grande rivoluzione proletaria per il riscatto degli ultimi, caduta sotto i picconi sul muro di Berlino, sia "solo quantitativamente" più grande dei tentativi delle masse appartenenti al ceto medio produttivo di farsi genitori del benessere sociale anche di altri strati di popolazione, attraverso il liberismo berlusconiano. Quello che osservo è che come in ogni favola, umana-fantastica-politica, c'è un eroe in lotta con il cattivo di turno, il dolore, la festa, gli alleati ruffiani, i nemici, il pregiudizio, il riscatto, il tradimento, la gioia, la paura, il matrimonio dei protagonisti oppure la loro morte. Certo che tra Breznev e Gasparri, tra Bonaiuti e il pur opaco Cernenko, la distanza è enorme. Ma gli effetti del percorso favolistico sono identici. Quando le grandi idee di rinnovamento, interpretate da un leader che ne assume su di sé la sintesi, sono portate avanti da una classe dirigente di cialtroni, il lieto fine soccombe sempre sotto i colpi dei picconi, di rottamatori, dei forconi, dei giudici o dalle controrivoluzioni. Ed invece di un matrimonio, ecco il funerale. Berlusconi come Lenin, quindi? Beh, adesso non esageriamo, anche le metafore, per raggiungere uno scopo, devono essere credibili. Ma sia chiaro che la morte delle idee più rivoluzionarie non avviene per la rarefazione delle ideologie (che involvono) ma nella testa e nel cuore degli uomini che le incarnano. E nelle loro gambe. Ed anche nelle loro palle. Ma quando le palle vengono sostituite dai Coglioni, gli esiti sono ineluttabilmente scritti nella storia che si ripete.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi