cerca

O tempora, o mulieres!

10 Aprile 2014 alle 16:25

L’emancipazione della donna ha stravolto tutta una letteratura millenaria che guardava alla donna in ottica del tutto diversa, ed anche tanti detti famosi andrebbero aggiornati. Così la convinzione di Ipponatte che affermava essere due i giorni in cui la donna è un piacere: il giorno in cui un uomo la sposa ed il giorno in cui la seppellisce, andrebbe aggiornata nel senso che oggi la donna ci reca piacere, a prescindere, il giorno in cui viene eletta e d il giorno in cui si dimette.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi