cerca

Video di Alessandro Giuli

9 Aprile 2014 alle 20:00

E’ difficile aggiungere qualcosa alla splendida “prolusione” di Alessandro Giuli in memoria di Fabrizio Quattrocchi. Bisognerebbe ricordare le pagine scritte da alcuni scribacchini sulla persona che fu considerata un mercenario. Bisognerebbe ricordare, ma non lo farò, le parole delle “due Simone” e anche della Sgrena dopo la loro liberazione. Meglio soprassedere ed è pure fastidioso ricordarle in questo scritto. Ringrazio Alessandro Giuli per avermi ricordato il decennale della scomparsa (la vicenda è ben impressa nella mia memoria) di questo meraviglioso uomo che con la sua vita e la sua morte ha testimoniato il significato delle parole umanità e coraggio. PS mi rendo conto che oggi scrivo troppo. Se non pubblicate, fa niente, però per cortesia fatelo leggere a Giuli. Grazie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi