cerca

Bene la nuova flessibilità nel lavoro

26 Marzo 2014 alle 14:37

Il decreto legge n. 30/2014 introduce importanti novità tese a variare le normative del contratto di lavoro a termine previste dalla legge Fornero. Il contratto a termine ora può essere prorogato fino a 8 volte in tre anni. Ricordo che la normativa precedente consentiva di prorogare una sola volta il contratto. Pertanto il datore di lavoro doveva optare tra l'interruzione del rapporto lavorativo o l'assunzione del lavoratore a tempo indeterminato. In piena depressione e in carenza assoluta di lavoro era difficile che il contratto a termine potesse esser trasformato in contratto di lavoro a tempo indeterminato. Così lavoratori senza lavoro e senza prospettiva futura erano indotti, “per fame”, a continuare a lavorare, però in nero. Bene la maggiore flessibilità prevista dal decreto “Renzi”, ma a condizione che, unitamente alla sua conversione in legge , venga approvata anche la riforma globale del lavoro, già presentata in parlamento, che prevede incentivi tesi a facilitare la trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, con garanzie per il lavoratore crescenti nel tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi