cerca

Peli nell'uovo

13 Marzo 2014 alle 18:00

Maxima debetur puero reverentia (“bamboccio” traduce Lanfranco Pace). E’ ovvio, non possiamo non dirci renziani, noi berluscones: come non tifare per uno che galoppa misurando il tempo a giorni e settimane, quando gli altri lo misurano a mesi ed anni, marciando sul posto; e che annuncia l’evangelo di quel rinnovamento che per vent’anni abbiamo atteso dal nostro indistruttibile leader? Ciò premesso, non è che qualche osservazione alla “svolta” economica ce la vieta il medico. Notiamo di passata che rottamare la concertazione accontentando i sindacati tenuti fuori dalla porta sa un po’ di stantia furbata, e passiamo a compiacerci della novità di non trovare tra le “coperture” i ricavati della “guerra santa” all’evasione fiscale: segno che si comincia ad ammettere che il solo modo per ridurla è ridurre il carico fiscale? Meno piacevole è constatare l’entità delle “coperture alla sperindio”, e la conseguente assunzione stabile del risparmio complessivo (casa più depositi bancari) a bancomat dello stato (d’altronde quelli storici, a tassazione indiretta, dall’antica accisa sui carburanti sino alla ramazzata sull’Iva, hanno ormai esaurito la loro capacità di ulteriore gettito, vista la flessibilità dei riottosi contribuenti nel ridurre i consumi). Mentre la peggiore, umiliante copertura la si è rimandata al dott. Cottarelli, che a breve (non appena il successore di Mastrapasqua gli porgerà la battuta, dando allarme rosso sui conti Inps) farà la parte del supermanager venuto dal nuovo mondo a scoprire la genialata delle “cassetta delle elemosine”, ovvero contributo di solidarietà coatta per le pensioni da medie in su: alzi la mano chi all’impronta sa dire quante volte negli ultimi vent’anni lo stato si è così fatto prepotente mendicante. Consiglierei, per decenza, di non includere l’obolo tra le voci della spending rewiev (infatti, che c’entra?), ma passarla al competente ministro come consulenza gratuita, diciamo così, “pro bono”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi