cerca

Vitus Hounder

11 Marzo 2014 alle 19:32

Non si comprende il motivo delle proteste contro questo vescovo: lo criticano perché è conservatore? E cosa significa non esserlo, per un vescovo? Avallare quello che accade senza alcuna valutazione di merito? Valutare secondo i gusti e le esigenze dei fedeli, infischiandosene della dottrina? Se il valore da rispettare è la cosiddetta modernità, è lecito chiedersi cosa caratterizzi la modernità in quanto tale e se tutta la modernità sia accettabile solo per il fatto di accadere ora. Forse il segno della valutazione "moderna" consiste nel mettere sullo stesso piano tutti i possibili comportamenti senza esprimere giudizi? O forse consiste in un infinito sincretismo dove tutto sta con tutto "appassionatamente"? Certamente, va detto, confondere religione e sociologia, religione e psicologia, alla lunga non sembra far bene alla chiarezza delle idee dei fedeli, ai quali sembra lecito chiedere: ma a cosa siete fedeli? Credo che le risposte sarebbero interessanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi