cerca

Riflessioni sparse

21 Febbraio 2014 alle 15:20

Il vespaio nato dall’appello del Foglio è molto significativo. Premetto che sono in periodo sabbatico e oscillo fra Roma e l’ortodossia. In conseguenza di ciò mi astengo dai sacramenti ma vivo questo come un dono di Dio. Chiusa parentesi. Per quanto mi riguarda avrei firmato appelli per i Copti, i nigeriani e naturalmente Israele e gli amici ebrei. Il sacerdote che non firma perché cristiano, parole sue, mi spiazza e non poco. S Bernardo di Chiaravalle dottore della chiesa, che fra le altre cose, organizzò la seconda crociata, è quindi un delinquente e un non cristiano. Per questo sacerdote il vero cristianesimo poggia su un falso cristianesimo del passato, o è un sofisma? Per capirci: se in un impeto di follia l’occidente decidesse di fare la quinta crociata per recuperare a Betlemme la (bellissima) chiesa della Natività, oggi in territorio islamico, firmerei l’appello. Secondo Don Pichetto, interpreto, dovrei farmi esorcizzare. Magari ha ragione, non si può mai dire. Amici atei liberali, distanti da disquisizioni religiose, hanno capito il significato dell’appello. Cristiani, o sedicenti tali, non lo comprendono. C’è da riflettere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi