cerca

Ucraina

19 Febbraio 2014 alle 15:19

L'Ucraina è in guerra e non è uno Stato povero del terzo mondo. Lo dimostra la sua volontà di entrare nella UE a partire dall'elezione del suo ex-presidente Juscenko eletto solo con l'obbiettivo di fare entrare il Paese nell'Unione Europea e nella Nato, obbiettivo raggiunto con il suo nuovo Presidente Janukovich, nonostante esistano stati occidentali che si oppongono ad ulteriori espansioni benché vi siano progetti per un accordo di libero mercato. Forse sono questi i motivi che hanno ridotto Kiev la capitale e le zone limitrofe a basi tragiche di scontri con vittime in crescita. Il mondo russo è compatto nel difendere l'Ucraina a partire da Putin a cui ha appena concesso aiuti per alcuni miliardi per lo sviluppo del Paese e che accusa i Paesi UE e Nato di fomentare la protesta popolare per la democrazia. In effetti, la valutazione da parte della Germania della Merkel di sanzionare l'Ucraina accusata di troppa violenza pare essere esagerata e controproducente. La materia è complessa ma credo che ancora una volta la UE dimostri di essere costruita a tavolino per salvaguardare degli interessi alti e altri e non per fare l'interesse dei suoi Paesi membri. Altrimenti si preoccuperebbe di valutare il grado di crescita e di cultura dei singoli Stati, le politiche in fatto di immigrazione e di religione, le peculiarità di ciascuna nazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi