cerca

Renzi al governo

10 Febbraio 2014 alle 14:30

Nei giorni corsi si è letto che Renzi poteva succedere a Letta. Non ci ho mai creduto e ora Renzi dichiara pubblicamente “ma chi ce lo fa fare?”. Il segretario del PD ha accumulato una credibilità considerevole, non si potrebbe permettere di entrare nell’esecutivo senza passare per le urne. Da fuori il parlamento sta agendo e se dovesse fallire dirà che ci ha tentato, ma non c’è riuscito magari grazie al PD (i franchi tiratori) o ai centristi. Chi lo vuole al governo, come Alfano, vuole semplicemente disperdere la credibilità di un avversario molto temibile alle prossime elezioni. Se fallisse nel rilancio dell’esecutivo a chi verrebbe data la colpa a lui che ha dettato l’agenda in modo inusuale o a chi siede in parlamento? Fossero forze del PD a remare contro, Renzi avrà gioco facile nell’indicare chi non ha voluto le riforme. Le persone, gli elettori, non sono scemi come da più parti si spera e si pensa. La credibilità è sempre importante, ma oggi è indispensabile per ottenere risultati elettorali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi