cerca

Il costo della disonesta' quasi tollerata

31 Gennaio 2014 alle 10:16

Si parla sempre,con rabbia ed a ragione, dello spreco di denaro pubblico ad opera di chi amministra e gestisce il paese e dell'evasione fiscale, che gravano, pesantemente, sulle tasche dei cittadini virtuosi. Invece, troppo poco si parla e non si contrasta, efficacemente, la disonesta' dei cittadini comuni, quando anche quest'ultima viene sempre pagata dagli onesti. Truffe ai danni di vari enti pubblici, e delle assicurazioni, furti di energia elettrica, taccheggi nei negozi e supermercati, mancato pagamento dei biglietti sui mezzi pubblici, spreco enorme di medicinali, quando dispensati "gratuitamente", false malattie, infortuni e assenteismo nel settore pubblico e privato. L'elenco, purtroppo e' molto lungo. Ed e' triste che questi furti, a danno della collettività', vengano quasi tollerati. D'altronde i disonesti,che ricoprono incarichi pubblici, non vengono da un pianeta diverso da quello da cui provengono i normali cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi