cerca

Anche i ricchi devono piangere

24 Gennaio 2014 alle 11:06

Nobil cosa è la pastorale, ma ancora più nobile è conoscere, amare e servire Dio e gli uomini in Dio, non Dio negli uomini. L'idolatria antropocentrica è un sofisma del Nemico, che ha conquistato e tinto di sé lo spirito del tempo, al punto che quello che nella sua storia la Chiesa ha sempre perseguitato salvando la cristianità dall'orrore dei fraticelli, dei patari, dei flagellanti, dolciniani, e di tutti i comunardi ante litteram, diventa oggi l'evangelium vitae dei pastori, che promettono il regno dei cieli a chi spogliandosi delle ricchezze le consegna ai poveri (cosa che i ministri laici del fisco fanno con puntuale zelo promettendo l'indulgenza equitaliana in questo mondo e la promessa papale nell'altro). Quando si parla in favore dei poveri c'è sempre un trucco, anche se ne parla un apostolo ( Giuda era un demonio scelto proprio per questo ufficio: "Non vi ho scelto io? eppure uno di voi è un demonio" GV.6,71) A Giuda, che era un ladro e che si preoccupava dei poveri il Signore risponde che i poveri li avremo sempre con noi, ma non avremo sempre Lui. Questo significa che importante è avere Lui anche se fossimo tutti poveri; a che servirebbe una umanità opulenta senza la sua presenza? E' questa la vera povertà di cui parla Hoelderlin, quella che vede gli dèi fuggiti da noi. Noi invece nelle rimbombanti officine siamo sordi alla voce degli dèi fuggiti, diciamo che il denaro è lo sterco del demonio, che S. Pietro non aveva una banca (mentre storicamente S. Pietro possedeva un sacculum da cui prelevava per il sostentamento e il pagamento del tributo). Se poi la ricchezza è in sé spregevole come giustificare il consiglio al giovane ricco di dare i suoi beni ai poveri? Forse che Gesù consiglia di dare ai poveri quello che è un male e di aggravare la loro povertà con la ricchezza? Chiunque espropria col pretesto di dare ai poveri è come Giuda un ladro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi