cerca

Passi indietro per le donne francesi

23 Gennaio 2014 alle 13:45

Detto e fatto. Il 22 gennaio l’Assemblea nazionale francese ha votato l’articolo più controverso che di fatto trasforma l’interruzione di gravidanza in un "diritto". Fino all'altro ieri la legge prevedeva che l’aborto fosse permesso "a tutte le donne incinte che si trovano in una situazione di sofferenza a causa del loro stato". Dopo le modifiche l’aborto sarà permesso "a tutte le donne incinte che non vogliono una gravidanza". Il partito socialista francese ha detto che le donne francesi devono "disporre come vogliono del loro corpo". E' il solito vecchio, e questo sì obsoleto, slogan degli anni '70. Nessun passo avanti. Anzi in questo modo l'aborto diventerà anche eugenetico perchè si potrà fare quel che si vuole. Del povero feto - bambino /bambina nemmeno l'ombra. Ovviamente la nuova legge va fino in fondo e prevede anche l’introduzione del "reato di intralcio all’aborto". Cioè i centri di ascolto delle donne incinte (quelli che hanno salvato migliaia di bambini e madri) dovranno "informare sulla possibilità dell’interruzione di gravidanza". Con il nuovo reato di "intralcio all’aborto" chi dirà la verità sull’interruzione di gravidanza rischia fino a due anni di prigione e 30 mila euro di multa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi