cerca

Help

6 Gennaio 2014 alle 13:28

Leggo sul Corriere di oggi il fondo di Angelo Panebianco che stigmatizza la vacuità degli analisti politici che ipotizzano “ciò che potrebbe essere” basandosi su parametri che verranno modificati, rendendo ciò che potrebbe essere “una possibilità perpetua solo nel mondo delle ipotesi”, come direbbe Eliot. Quello che però mi richiama alla realtà, triste, è il fatto che a quanto pare tutti disquisiscono sul futuro sistema elettorale non in base al bisogno di maggior democrazia, di maggior governabilità, di maggior possibilità per chi vince le elezioni di poter portare a termine il suo programma, ma lo fanno solo in funzione di un ipotetico vantaggio di cui potrebbe trarre vantaggio un partito: nessun interesse per i vantaggi che potrebbe trarne il Paese. Possibile che, fra i politici, non ci sia un solo statista che porti avanti una proposta strutturata per rendere più governabile il Paese, dimostrandosi fermo e indisponibile ad accordi sottobanco per spartirsi le poltrone? “Governabile” (lo ricordo per chi si fosse distratto) significa dare la possibilità a chi è stato eletto di realizzare le promesse fatte in campagna elettorale ma, soprattutto, di assumersi le responsabilità per ciò che ha fatto o non ha fatto, essere responsabile del suo “governo” della cosa pubblica in quanto unico responsabile delle proprie scelte, in modo che l’elettore possa decidere se ridargli fiducia oppure no, dando, nel secondo caso, ad un altro candidato la possibilità di governare. Ecco, vorrei che gli editorialisti si soffermassero su questo punto, sulla responsabilizzazione senza alibi, legati ad alleanze infide, di chi guiderà il prossimo Governo. Per favore, almeno per una volta rifiutate le sapide polemiche politicanti che fanno vendere copie del vostro quotidiano e portate avanti un impegno di responsabilizzazione per il bene del Paese. Almeno voi editorialisti dimostratevi statisti e non tifosi (cosa lecita ma deleteria). Grazie comunque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi