cerca

Ci attendono letture intriganti

27 Dicembre 2013 alle 13:30

Le “coppie” messe in parallelo da Festa e Sapelli sono: Ludovico il Moro/Enrico Cuccia; Cesare Borgia/Bettino Craxi; le scoperte geografiche spagnole e portoghesi/l’entrata della Cina nel Wto; i Medici/la Democrazia cristiana; la Serenissima/ Silvio Berlusconi; il papato rinascimentale/ il Quirinale post ’92; l’Europa di Carlo V/l’Europa della Merkel; Lutero/Ratzinger; Lega di Cognac/Tremonti e Fazio; i sacchi di Roma/le rapine alla nostra industria. Come dire: tutto si tiene e per noi, per il nostro perenne modo di intendere la politica Nicolò è oggetto misterioso. Nicolò pensava e sognava un popolo e sapeva che le chiacchiere non fanno farina, Francesco pragmaticamente, tratteggiava il “particulare” come il motore egoistico delle umane azioni. Sarà interessante leggere come si confrontino, si soppesino, si valutino gli intrecci temporali, le emozioni umane e le diverse dimensioni dello stesso motore: il “partuculare”. Principe per uno Stato, tanti principotti e principini per le tante schiatte. Qualcuno storcerà la bocca, ma abbiamo perpetuato micragnosamente il Dna del Gucciardini e demonizzato quello del Machiavelli. Mentre la storia racconta che si cammina con le gambe di ambedue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi