cerca

Tasi per tutti

26 Dicembre 2013 alle 17:10

La futura TASI è una tassa che si riferisce ai servizi cosiddetti indivisibili (tranne il servizio smaltimento rifiuti coperto dalla nuova TARI, ex-TARES) che vengono erogati, a livello locale, essenzialmente ai residenti e, in misura presumibilmente minore, a tutti gli altri proprietari di immobili situati in un determinato Comune. Non è quindi un'imposta di tipo patrimoniale com'era l'IMU per le prime case, abolita (e com'è lo è tuttora per le seconde, rimasta). Non si capisce dunque perché anche i proprietari residenti non debbano contribuire a pagare questa tassa, di cui magari sarà necessario migliorare il meccanismo applicativo (come peraltro anche per la sopracitata TARI). O forse si ritiene logico che siano i non residenti (già gravati da un'IMU quasi ovunque applicata con l'aliquota massima...soldi per cosa e per chi?), a pagare per i servizi goduti prevalentemente dai residenti. Tanto più che i suddetti malcapitati, non avendo la residenza, non possono votare in quel determinato comune e quindi giudicare ed eventualmente sanzionare l'operato dell'amministrazione locale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi