cerca

Unioni Civili all'italiana

20 Dicembre 2013 alle 14:45

Su impulso del neo segretario Matteo Renzi si ricomincia a parlare di "unioni civili". Renzi è stato attento a non usare la parola "matrimonio" perchè secondo lui, e molti del suo partito, l'Italia non è pronta per legalizzare le unioni omosessuali. Possiamo pensare che sia una tattica psicologica per rendere pian piano accettabile l'argomento. Intanto però in Europa si alzano altre voci che vogliono fare chiarezza. Infatti insieme a Lettonia, Lituania, Polonia, Ungheria e Bulgaria, i cinque Paesi dell’Unione Europea che hanno già una definizione costituzionale del matrimonio come esclusivamente eterosessuale, anche la Croazia inserirà nella Costituzione questa semplice verità. E’ stato il referendum di domenica 1 dicembre a sancire la definizione di “matrimonio” come la sola unione tra un uomo e una donna. Viene da chiederci se era proprio necessario un referendum per chiarire questo concetto.... ma oggigiorno funziona così. Il quesito “Vuoi definire il matrimonio come l’unione tra un uomo e una donna? ” ha avuto la stragrande maggioranza dei "Si" con il 66 per cento di preferenze. Dobbiamo pensare che le reali posizioni delle persone e i loro bisogni sono diversi da quanto vogliono farci credere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi