cerca

I cristiani tradizionalisti oggi

29 Novembre 2013 alle 12:30

Fumo negli occhi. Nessuno ha finito per essere più inviso ai cristiani dei tradizionalisti. Guardati con un senso di fastidio e condanna esplicita, sia dai confratelli che dalla gerarchia. Si fa ricorso, per stigmatizzarli, alle scritture come per nessun’altra categoria di pecorelle. Si abbracciano gli “Scalfari”, si riserva amorevolezza per l’Islam. Si accondiscende con tolleranza e comprensione al loro stato. Ma il tradizionalista si condanna (e se ne vieta la messa). Si invita la chiesa ad andare incontro ai poveri, ad uscire dai sacri palazzi, a fare missionarietà permanente (ho letto che lo sguardo e il pensiero è alla condizione del proselitismo nell’America latina). Ma la frontiera dell’evangelizzazione globale non passa da lì. Passa per l’anticristianesimo intellettuale e ateo (egemone in occidente) e per - diciamo così - i non credenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi