cerca

Sovranità perduta

25 Novembre 2013 alle 14:15

E' emerso che già anni fa Silvio Berlusconi avesse l'intenzione di uscire dall'Euro/pa identificando nell'euro una moneta sfavorevole per l'Italia rispetto ad altri Paesi europei. In effetti dove sta l'obbligo di rimanere necessariamente all'interno di una Europa unita monetaria? Quanto è emerso si paventò già a suo tempo e si parlava di fantapolitica. Il fatto che poi abbia corrisposto a verità significa che la fantaplolitca spesso ci azzecca e che in fondo non è proprio fantapolitica. In questo modo Berlusconi si è inimicato la Germania e gran parte dei poteri forti, le banche, la magistratura, la sinistra italiana,allontanandosi pertanto da un mondo quasi precostituito. Il fatto è che l'ex premier con la sua lungimiranza, la sua obbiettività e l'amore per il suo Paese, che ha sempre desiderato libero e scevro di legami irresponsabili e dannosi, parlava di mancanza per l'Italia di "sovranità monetaria, di perdita dell'80% di sovranità legislativa e della sovranità nazionale", come sottolinea Magdi Christiano Allam. Ora è giunto il momento di riprendersi questa sovranità perduta - e l'esortazione è per tutti - in nome della democrazia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi