cerca

Una sguardo oltre il luogo comune

19 Novembre 2013 alle 15:00

Tutto quello che può favorire la durata e l’azione dell'attuale governo è fumo irritante negli occhi per la sinistra all'opposizione, per tutti i massimalisti del Pd, oltre che per il Fatto, Repubblica e corifei socio/economici/sindacali, aggregati. Siamo oltre il perimetro classico della cultura di sinistra: sono quelli che non possono permettersi che questo governo possa anche solo osare, di comprimere concretamente la spesa pubblica, riformare la giustizia e modificare la Costituzione. Non vogliono e, dal loro punto di vista è comprensibile, privarsi dei loro perenni punti di forza. Se Letta saltasse tutto tornerebbe in alto mare: una vittoria per i sopracitati. Invece se il Pd votasse compatto la fiducia alla Cancellieri, ritengo sia chiaro che non è in gioco la persona ma il governo, sarebbe uno smacco, simbolico e reale al partito variopinto degli statalisti a vita, compresi i beneficiari privati della spesa pubblica e dei manettari mozzorecchi giustizialisti. Però sono tutte categorie che si proclamano di sinistra per il distorto, fallace significato salvifico, moralmente, politicamente corretto e rigenerante che si attribuisce alla parola. Che vorrebbero condensare nel motto: "Siamo la casa di tutto il meglio dell'umanità". Ohibò! Il più grande bluff della storia. Intanto Letta dichiara: ”Una grana alla volta”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi