cerca

Tra alchimie e chimere politiche

13 Novembre 2013 alle 12:45

Pensando al prossimo Consiglio nazionale, dopo il dibattito e per certi versi stridente scontro politico di questi giorni in casa Pdl/FI ed in attesa del cruciale appuntamento, mi è venuto in mente, pensando ad alcuni esponenti politici, il Boccaccio il quale parlava di “Niuna gloria a un'aquila è l'aver vinto una colomba” e nel contempo, pensando ad altri, il proverbio “Tirare a' suo' colombi”, vale a dire farsi il male da se stesso. E in questo simile contesto, per ora, devo ammettere, in quale migliore sintesi agro dolce ripiegarmi se non in quella aristotelica: se c’è soluzione perché ti preoccupi? Se non c’è soluzione perché ti preoccupi? Certo, “se” la parola “consiglio” rimanesse ancorata al suo saggio e altruistico significato ed il senso della parola “politica” fosse capace, nei fatti, di prevalere, al posto di pensare a Boccaccio a proverbi e citare Aristotele già da oggi ragionevolmente potremmo essere fiduciosi che il grande patrimonio ideale, culturale ed elettorale del centrodestra non sarà disperso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi