cerca

La chiesa e le sue “strutture”

12 Novembre 2013 alle 12:30

Interessante la posizione di Messori (sul Corriere)in difesa della necessità della chiesa gerarchia, di critica dei miti paupristico-egualitaristici-primitivistici ispirati alle (pseudo) origini, riconoscendo che, tanto, “indietro non si torna”. Dimentica però, l’autore, che quelle posizioni, quelle istanze sono uno dei frutti del Concilio. Insieme alla destrutturazione della figura –per così dire- del papa nei suoi emblemi, e agli aneliti socialisteggianti. Credo sia lecito riconoscere questi effetti come un portato del Concilio nel cattolicesimo. E, senza dover essere necessariamente inclusi nel novero dei tradizionalisti liturgici, discostarsene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi