cerca

Quant'è bella la schiettezza, che si fugge tuttavia

1 Novembre 2013 alle 13:45

Tutti d'accordo: fare immediatamente luce sull'intrallazzo Cancellieri-Ligresti. Senza "se" e senza "ma". Debbo dunque supporre sia lecito aggiungere qualche "tuttavia". Ebbene: tuttavia bisogna chiedersi se i motivi della grazia siano stati giusti e i procedimenti regolari, perché chiedere la testa di qualcuno perche' ha fatto una cosa giusta e regolare è pazzesco. Tuttavia chiedere le dimissioni di un ministro perché tra mille giuste grazie da concedere egli l'ha concessa giustappunto ad un suo amico può essere ineccepibile; ma non lo è meno aggiungere che se quel ministro non avesse concesso quella grazia, una cosa giusta in meno sarebbe stata fatta, e tuttavia nessuno avrebbe avuto nulla da eccepire. Tuttavia bisogna chiedersi se sia il caso di escludere ope legis dalla possibilità di grazia quei carcerati che abbiano la sventura d'essere amici d'un ministro. E tuttavia bisogna pure chiedersi, quando si parla di intercettazioni, quanto la registrazione di una telefonata rispecchi fedelmente il pensiero e le intenzioni degli interlocutori, perché storicamente le ragioni per dire il contrario di ciò che uno pensa sono innumerevoli. Insomma, bisogna riconoscere che la bioetica differenziale nazionalpopolare è una scienza meravigliosa, però ultimamente non fa altro che produrre paradossi: tuttavia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi