cerca

I fatti generano le opinioni o viceversa?

28 Ottobre 2013 alle 15:00

Oggi si parla del suicidio di quel giovane ragazzo che ha denunciato l'omofobia di chi lo circondava; sappiamo anche che in questo momento il tema è in discussone dal Parlamento. Sappiamo anche che da quando è in discussione la legge sul femminicidio alcuni organi di informazione dedicano ampio spazio agli episodi di violenza in famiglia, anzi direi che la puntuale informazione su tali eventi, che certamente sono reati odiosi, ha contribuito alla nascita di questa legge. Sembrerebbe tutto normale poi però penso alle notizie che mostrano il crescente consumo di droga - basti ricordare le indagini delle ASL che affermano che la quantità dei residui di cocaina presenti nelle acque urbane di città come Milano e Firenze è tra le maggiori in Europa - e mi chiedo come mai non appare nessuna notizia circa eventuali casi di mortalità. Ricordo che negli anni '70 ed '80 si parlava molto di questo tema ed adesso non di se ne parla più. Sono diventati più bravi gli spacciatori e/o più prudenti i consumatori? Oppure il tema non fa più notizia? O forse il "lancio di agenzia" relativo all'evento, spesso violento, precede la comprensione e il giudizio sui fatti che ci circondano impedendoci l'effettiva comprensione della realtà?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi