cerca

Il proverbio ad hoc

25 Ottobre 2013 alle 11:35

Tra due litiganti il terzo gode. Da noi il terzo è quell'impersonale mostro, bi-tri-partisan, ubiquitario e tentacolare che raduna e affratella tutte le caste di potere e le lobby che si sfidano e fanno i loro affari, politici, mediatici, editoriali, economici, sindacali dietro e al riparo dello scontro belluino, artatamente alimentato, tra acefale fanterie a ciascuna delle quali s’è fatto credere che combatte per se stessa. Cioè, siamo strumentalmente usati per la lotta di potere tra le varie parti del mostro. Questo il metodo in essere, collaudato, affidabile. Bisogna solo sperare che si possa rivoltarlo come un calzino perché in sé non può essere il motore per quei processi di riaggregazione e ridefinizione degli schieramenti politici e sociali e istituzionali che si auspicano a gran voce. Per inciso, si sentivano gli stessi appelli già alla fine del 1993. Non si può dire che Berlusconi, dopo la vittoria del 1994, non rappresentasse un nuovo elemento di riaggregazione e ridefinizione. Anzi lo era talmente che si pensò bene di bloccarlo subito. Il resto è noto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi