cerca

È sempre la mano di Dio!

23 Ottobre 2013 alle 15:30

Osvaldo Soriano al salone del libro di Buenos Aires del 1996, dieci anni dopo la mano di Dio e il gol più bello mai segnato in un campo da calcio parlava così: "Alle volte immagino di dividere le cose tra quelle umane e quelle sovrumane. Borges e Cervantes: avevano qualche cosa di indefinibile che li poneva al di là, ed è per questo che perdoniamo loro un sacco di cose... Maradona è così: non è di questo mondo... sì, Maradona è così: esiste per la gloria di Dio". E dato che oltre al genio assoluto, noi, lettori brutti sporchi e cattivi di un giornale brutto sporco e cattivo, ammiriamo e godiamo ancor di più se al talento divino si affianca il panofskyanamente politicamente scorretto, ebbene, per noi, quel gesto dell'ombrello del Diego nella lumacona trasmissione del buono a tutti costi del finto buono Fazio... ci appare sempre come la mano di Dio!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi