cerca

Peccati e peccatori

14 Ottobre 2013 alle 14:15

Purtroppo per noi, elettori di centrodestra, Papa Francesco è arrivato tardi. Se l'ormai famosa frase "chi sono io per giudicare un gay" fosse stata pronunciata, avremmo potuto opporre, ottenendo forse maggior rispetto tra amici e conoscenti elettori di sinistra, il meno noto: "Chi sono io per giudicare la nipote di Mubarak"? Ecco, ci sarebbe stata più comprensione in entrambe gli schieramenti politici, forse la pacificazione avrebbe avuto maggior successo. Se poi qualcuno (di noi o di loro, questo non importa) non avesse avuto abbastanza comprensione e volesse continuare nell'imputare all'altra parte peccati e peccatori, avremmo bene potuto rispondere, basandoci sulla ragione e sul diritto naturale, che certi vizi aiutano a mantenere la specie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi