cerca

Tra i due litiganti il terzo (Renzi) è fregato

30 Settembre 2013 alle 15:00

Il mite Letta si mette a fare il nipote terribile e coglie al volo lo scivolone di Berlusconi per vestire i panni del condottiero che dopo vent’anni affonda definitivamente l’odiato cavaliere che a sua volta, ingenuo, pretendeva proprio da Letta il lancio del salvagente. E volete che il vincitore di Berlusconi non venga premiato dal popolo della sinistra facendolo passare sotto l'arco di trionfo contro il giovin Matteo che andò pure a cena ad Arcore? Al sindaco di Firenze non resta che recarsi nel vicino eremo di Camaldoli per meditare. Quanto a Berlusconi, dicono che si rialza sempre, anche clamorosamente, ma sono più di duemila anni che un morto non risorge, figuriamoci chi la lastra di marmo se l’è messa addosso da solo!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi