cerca

Pperazioni eversive

27 Settembre 2013 alle 15:00

E' difficile controbattere la denuncia del Pdl che evoca quale colpo di stato l'accanimento giudiziario e politico contro il suo leader. Ma è altrettanto difficile dare torto al Presidente della Repubblica che considera inquietante la annunciata decisione delle dimissioni di massa dei deputati e senatori Pdl. Berlusconi eviti di mettersi nella stessa, squallida posizione dei suoi avversari. Rimanga fermo sulla difesa degli attuali interessi del Paese. Lasci che siano loro a mettere in crisi questo obiettivo. Con la dignità e il coraggio, che non gli mancano, nonostante tutto, continui a seguire i suoi elettori che sono dei moderati e che al momento delle elezioni - che prima o poi chi saranno ma non per responsabilità del Pdl - gli confermeranno in massa il loro voto. Allora sì potrà cambiare tutto ciò che non funziona quale: la burocrazia e la giustizia che sono la vera causa degli insopportabili costi della pubblica amministrazione e coseguenti cariche fiscali, della impossibilità delle imprese di essere libere e competitive, di rendere in nostro Paese affidabile, con i fatti e non a parole, per gli investitori esteri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi