cerca

Principi non negoziabili e precetti

21 Settembre 2013 alle 14:00

Credo che la chiesa, al pari di ogni altra formazione associativa, debba fornire regole, valide per l’ordinario. Non focalizzare l’attenzione e l'enfasi sulle eccezioni. Le eccezioni ci sono e ci saranno, la Misericordia le potrà, non sempre e comunque, assolvere, ma nel segreto dell’intimità del rapporto con Dio. E non lo saprà mai nessuno, tranne post mortem l’interessato. Ponendo l’accento sulle eccezioni e lasciando intravedere vie facili di assoluzione, qui su questa terra, al di fuori della specificità dei singoli particolarissimi casi, si rivoluziona la bimillenaria antropologia cristiana, si indicano possibilità di maglie lasche all’agire. Con dolore fraterno ma: l’ateo dichiarato (Scalfari), l’omosessuale, l’abortista, il teologo rivoluzionario ecc. sono le eccezioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi