cerca

La via equitativa

17 Settembre 2013 alle 21:00

Quando un giudice riceve dai consulenti, peraltro da lui nominati, conti che favoriscono una delle due parti in conflitto, proprio quella che lui ritiene di penalizzare, accantona i conteggi e dispone "in via equitativa", cioè come meglio pare a lui. E non c'è santo per contestarla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi