cerca

Lo strano caso del Pd

6 Settembre 2013 alle 14:45

Stando al buon senso comune e ad una elementare logica politica un governo di coalizione si dovrebbe reggere sia sulla riconosciuta reciproca legittimazione che dell’indispensabilità del ruolo di ciascuna componente coinvolta, salvo i numeri parlamentari e le connesse scelte politiche non cambino. Ma per il Pd ciò che è ovvio non lo è. E così da un lato dichiara che Silvio Berlusconi è un pregiudicato al quale non bisogna concedere nessuna legittimazione politica e dell’altro (allo stesso!) gli si richiede la sua indispensabile responsabilità politica per le sorti dell’attuale compagine governativa che si vorrebbe continuasse. Con tante sottigliezze politiche mi viene da pensare a Stevenson e al suo dottor Jekyll e signor Hyde.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi