cerca

Cattolici liberali cercansi

6 Settembre 2013 alle 12:30

Ma perché i cattolici liberali (ammesso che esistano) non protestano contro i tempi lunghi del divorzio e non vanno a firmare in massa per il divorzio breve? Nei tempi stabiliti del divorzio (ma non solo) si manifesta in tutta la sua ottusa pervicacia il Leviatano: infatti lo Stato dall'alto di non so quale superiore coscienza e sapere stabilisce che ci vogliono tre anni per maturare una decisione, ma ogni individuo ha i suoi tempi e c'è chi impiega tre anni per fare una cazzata e chi impiega un minuto a prendere una buona decisione, tutto ciò rappresenta per me un'intollerabile intrusione nelle scelte individuali di ogni cittadino, nella sua coscienza, e viola la sua intima libertà. Chi si professa cattolico e liberale dovrebbe lucidamente porsi questo interrogativo e chiedere allo Stato di non intromettersi in scelte che sono individuali e circoscritte alla propria coscienza laica o religiosa che sia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi