cerca

Ancora sulla rappresentatività sindacale

16 Agosto 2013 alle 13:45

Torniamo sull’argomento della rappresentatività sindacale. Chi ha dimestichezza con i tavoli di trattativa sa benissimo che l’imprenditore negozia con ogni controparte rappresentativa concretamente in grado di far rispettare gli impegni sottoscritti garantendo così la certezza della gestione. Il metodo con cui tale maggioritaria rappresentanza viene a formarsi è irrilevante purchè l’accordo che si raggiunge venga a costituire un punto fermo nella strategia produttiva dell’impresa. I dissenzienti dovranno rispettare gli accordi contrattuali frutto della libera volontà delle parti negoziali. Ogni intervento legislativo in materia appare ridondante ed ingiustificato e sicuramente irrilevante rispetto alla prioritaria necessità di dare invece completa applicazione all’art. 39 della Costituzione, tuttora inattuato nella parte seconda relativa alla disciplina giuridica del sindacato e del contratto collettivo, nonché dell’art.40 sul diritto di sciopero e la determinazione dell’ambito delle leggi che lo regolamentano! Sul tema noto una pervicace indifferenza degli enti istituzionali preposti e dei costituzionalisti degli editoriali domenicali talmente affascinati dalle sfaccettature del dito da evitare accuratamente lo splendente disco lunare!!!!!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi